Cosso Immobiliare

Agenzia per Pontedecimo, San Quirico, Bolzaneto e Alta Val Polcevera


affitti brevi nel Decreto Crescita

30 giugno 2019

Affitti brevi sono da tempo “monitorati” in quanto suscitano  non poche polemiche .

Gli albergatori  sono in “rivolta” perchè con la tecnologia digitale, ovvero con le piattaforme che permettono agli utenti di scegliersi una casa per brevi  periodi, si ha più concorrenza,  magari anche sleale,  c’è più possibilità di fare evasione fiscale o commettere altre irregolarità.

Da una ricerca curata dalla SDA Bocconi è emerso, per esempio, che le leggi regionali vengono ritoccate anche una volta all’anno e ci sono molteplici definizioni per identificare le strutture extra alberghiere.

Un esempio: “casa da camminatore” che vengono regolate dalle Regioni Lazio e Umbria.

Quindi le Regioni si avvalgono della loro competenza esclusiva in materia di turismo ai sensi dell’art.  117 comma 4 Cost.

Il Decreto Crescita , approvato oggi in extremis, stabilisce  l’istituzione di  una banca dati delle strutture ricettive, alle quali  deve essere  attribuito  un codice identificativo da utilizzare obbligatoriamente negli annunci.

Multe fino a 5.000 euro non solo per i proprietari di case vacanza che evadono il fisco ma anche per i siti che fanno da intermediari, facendo incontrare la domanda e l’offerta, come può essere la piattaforma Airbnb.

Questi ultimi sono infatti ritenuti responsabili in solido, rispetto agli obblighi di versamento delle imposte sui contratti di locazione di durata breve, anche ”il soggetto che esercita attività di intermediazione immobiliare tramite portali telematici”.

I portali dovranno saranno anche ritenuti responsabili del versamento dell’imposta di soggiorno per i turisti.

I Comuni avranno la facoltà di verificare direttamente il pagamento della tassa di soggiorno.

Il portale utilizzato per comunicare i dati  degli alloggianti in  Questura , ovvero “Alloggiati Web”,  peraltro obbligatorio anche per le locazioni brevi, sarà anche collegato con l’Agenzia delle Entrate affinchè i Comuni, che hanno istituito l’imposta  o il contributo di soggiorno,come sopra detto, possano controllare il pagamento della tassa di soggiorno.

Gli affitti brevi sono convenienti? La risposta cercherò di darvela in seguito. Stay Tuned!

 

Categorie: Consigli, Curiosità, Il mondo immobiliare, Senza categoria, Tasse e Fisco