Cosso Immobiliare

Agenzia per Pontedecimo, San Quirico, Bolzaneto e Alta Val Polcevera


Loveboat o semplicemente Houseboats: abitare sull’acqua

17 maggio 2019
Chi non ricorda il famoso Love Boat? Per caso ho rivisto un vecchio episodio… ed ecco nascere lo spunto per l’articolo che segue.
In Gran Bretagna sempre più persone fanno una scelta piuttosto particolare riguardo a dove stabilire la propria abitazione principale.
Queste persone, infatti, scelgono come casa delle strane imbarcazioni coperte, di forma allungata e molto stretta, che possono essere osservate navigando lentamente lungo i corsi d’acqua interni, o più spesso legate a un molo presso una qualche pittoresca località, spesso adornate da vasi di fiori e dipinte con scritte e colori vivaci.
Queste tipiche abitazioni fluviali qui sono conosciute con il nome di houseboats,   narrowboats (letteralmente “barche strette”) e fanno parte della cultura britannica da secoli se non da millenni.
Nascono tradizionalmente come vecchie barche adibite al trasporto di persone e merci riciclate come abitazioni.
Devono avere delle dimensioni ben precise studiate per poter navigare lungo le centinaia di chilometri di vie d’acqua interne (sia naturali che artificiali) in Inghilterra, Galles o Scozia, che includono anche stretti canali artificiali.
Al massimo sette piedi di larghezza (poco più di due metri), per 70 piedi di lunghezza (poco più di 21 metri, che permettono all’imbarcazione di entrare nelle chiuse più corte)
Secondo il Canal & River Trust, l’organizzazione che si occupa della tutela di circa 2mila miglia di canali in Inghilterra e nel Galles, più di un quarto delle oltre 33.000 narrowboads (di cui più di 10.000 nella sola Londra) sono oggi utilizzate come residenza principale.
Persino Richard Branson, il famoso imprenditore inglese fondatore del gruppo Virgin ha vissuto per un periodo della sua vita su una houseboat prima di fare fortuna.
Ma perché sempre più gente oggi fa questa scelta così particolare?
Innanzitutto la vita lungo un corso d’acqua può essere un’esperienza meravigliosa soprattutto se si decide di ormeggiare nel mezzo della campagna inglese!
Inoltre una narrowboat può fungere contemporaneamente sia da abitazione che come mezzo di trasporto.
Se non vi piace l’idea della campagna inglese basta spostarci  lungo un corso d’acqua anche all’interno di una località metropolitana, ed ecco che da “campagnoli” si diventa “cittadini” , offrendo quindi la possibilità di vivere nel centro di una città con un  costo decisamente inferiore rispetto a quello che si dovrebbe pagare per  l’acquisto o la locazione di un appartamento.
Il prezzo di una narrowboat di seconda mano in buone condizioni può anche non superare le 30.000 Sterline (un centinaio di sterline per metro quadro), mentre un’appartamento nel centro di Londra ad esempio può venire a costare fino a 10 volte tanto.
E’ vero che al costo di acquisto bisogna aggiungere una licenza annuale residenziale da parte del Canal & River Trust (una licenza che da il permesso di utilizzare le vie d’acqua interne Britanniche, il cui costo varia tra le 500 e 1000 sterline all’anno), un’assicurazione (che può essere intorno alle 200 sterline annue), più eventuali tasse di ormeggio a seconda della località in cui ci si decide di fermare.
Questi costì alla fine però non incidono più di tanto, considerando che anche le abitazioni tradizionali ovviamente si portano dietro tutta la loro serie di spese, tasse e balzelli vari.
Non è così facile ottenere una licenza annuale residenziale, però questa non è necessaria per il cosiddetto continuous cruising, ovvero se non ci si ferma in una stessa località per un periodo massimo che può variare dai 2 ai 14 giorni (a seconda della località) – una soluzione valida però solo per alcune categorie di persone, ad esempio anziani in pensione, le quali non hanno il vincolo di vivere in un’area fissa per motivi di lavoro o scolastici.
Se non come abitazione fissa, molti cittadini britannici hanno una narrowboat come seconda abitazione dove passare le proprie ferie.
Anche voi se volete potreste provare l’ebbrezza di passare una vacanza avventurosa in Gran Bretagna: queste imbarcazioni si trovano anche a noleggio per turisti anche solo per una semplice gita di pochi giorni.
Categorie: Consigli, Curiosità, Il mondo immobiliare, Senza categoria